Nel concerto di Orchestra in Opera del 18 febbraio anche voce dei migranti morti nel Mediterraneo, grazie al “Quartetto del mare”